FANDOM


Dishonored icon renderDishonored Il Pugnale Di Dunwall icon renderDishonored Le Streghe Di Brigmore icon renderDishonored 2 icon

"Avresti dovuto dimenticare il mio nome il giorno in cui l'hai sentito."
-Delilah a Daud

Delilah Copperspoon, conosciuta formalmente come Delilah Kaldwin I durante il suo regno come Imperatrice , è un personaggio importante nel franchise Dishonored, apparendo nei DLC Il Pugnale di Dunwall e Le Streghe di Brigmore. Nel secondo, lei è l'antagonista principale. La stessa Delilah che l'Esterno incarica Daud di investigare, viene rivelata essere la guida di una potente congrega chiamata "le streghe Brigmore" e viene sconfitta da Daud mentre tenta di impossessarsi del corpo di Emily Kaldwin. Quindici anni dopo la sua sconfitta in "Le Streghe di Brigmore", ritorna in Dishonored 2 come principale antagonista e usurpa con successo l'Imperatrice Emily.

Biografia

Delilah nacque come figlia illegittima dell'imperatore Euhorn Kaldwin e una cuoca della corte. Per attirare l'attenzione di suo padre, avrebbe chiesto all'imperatore Kaldwin se potesse partecipare alla vita di corte, nella speranza di assumere finalmente il ruolo di una vera principessa, ma le sue richieste furono soddisfatte solo con deviazioni e rinvii. Secondo Delilah, un giorno, mentre giocavano insieme, Jessamine ruppe accidentalmente un oggetto di immenso valore e incolpò Delilah. Di conseguenza, Delilah fu ripetutamente frustata e gettata fuori dalla Dunwall Tower con sua madre.

Lasciate a lottare per la sopravvivenza nelle strade di Dunwall, Delilah e sua madre si ritrovarono in prigione per debiti, dove quest'ultima avrebbe incontrato la sua lenta scomparsa per mano di una guardia carceraria. Con la morte di sua madre, Delilah fu costretta a lavorare come casalinga in un bordello mentre nel tempo libero dipingeva, fino a quando non arrivò sotto la tutela di Anton Sokolov. Sokolov apprezzava i suoi modi di immaginare il mondo come un posto migliore attraverso la sua arte; tuttavia, il suo interesse per l'occulto e la sua ossessione per i Kaldwin la portarono fuori dalle sue cerchie. Alla fine fu dotata del marchio dell'Esterno nel 1831.

Nel 1834, iniziò una relazione con l'avvocato Arnold Timsh, che favorì le sue arti e la stessa ragazza così pesantemente da provocare spaccature all'interno della sua stessa famiglia. La nave che spinge Daud a iniziare le sue indagini apparteneva a Timsh, nominata in onore di Delilah stessa. Alla fine fu in grado di sedurlo e farsi intestare la sua fortuna, scappando poi con l'eredità. Timsh vendette poi la nave con il suo nome, ma la mantenne come beneficiaria del testamento di sua madre. Secondo la nipote di Arnold, Thalia Timsh , suo zio amava e temeva Delilah.

Un anno dopo, quando iniziò la peste di ratto, Delilah fondò la sua congrega di streghe con Breanna Ashworth, un'aristocratica che salvò da una vita alienante. Condivideva i suoi poteri con i suoi ammiratori, e vivevano spensierati, vagando nei cimiteri e nella campagna. Successivamente trasferì la sua congrega alla fatiscente e isolata Villa Brigmore, da cui iniziò i suoi piani per conquistare l'Impero.

Il Pugnale di Dunwall

Delilah fu oggetto delle indagini di Daud, che lo portarono a scoprire la sua influenza su Timsh e avvenimenti associati. Daud ebbe una breve conversazione con Dalilah attraverso una statua nel Residenza Estiva di Timsh; durante la conversazione Delilah disse che avrebbe dovuto ucciderlo, ma scelse di non farlo "per il bene delle sue sorelle". Lo minacciò annunciando un pericolo sconosciuto, cercando di far cessare le sue indagini.

Mentre gran parte della sua motivazione rimarranno sconosciute, Delilah collaborò con Billie Lurk in un complotto per assassinare Daud, e dirigere i Sacerdoti al nascondiglio dei Balenieri nel Distretto Sommerso. Fallito il tentativo, Delilah comparve per la prima volta davanti a Daud e agli altri Balenieri. Con un livello di Caos basso, dopo che Lurk viene risparmiata o uccisa da Daud, Delilah minacciò entrambi/Daud con una morte brutale. Con un livello di Caos alto Dalila schernì Daud, informandolo che i suoi piani procedevano nella giusta direzione.

Le Streghe di Brigmore

Delilah ordinò di tenere d'occhio la guerra tra bande che avvenne a Drapers Ward e assicuri che l'avanzata di Daud per Villa Brigmore fallisse. Si rinchiuse nel maniero al fine di completare il dipinto di Emily Kaldwin. All'arrivo di Daud alla Residenza, scoprì che Delilah viaggiò attraverso il dipinto fin nell'Oblio, dove attuò un potente rito con l'intenzione di prendere possesso del corpo di Emily governando così l'Impero.

Daud sospese il rito di Dalilah, con due possibili opzioni per l'eliminazione: Daud può uccidere Dalilah definitivamente o forzare il rituale, sostituendo il dipinto di Emily con un dipinto dell'Oblio, intrappolandola al suo interno.

Dishonored 2

Tgt delilah is

Delilah ritorna in Dishonored 2 come principale antagonista. Alla conclusione di "Le Streghe di Brigmore", fu lasciata andare nell'infinito dell'Oblio, sul luogo della trasfigurazione dell'Esterno. Immaginando un modo per sfruttare il potere dei motivi rituali, Delilah divenne una parte dell'Esterno aumentando i suoi poteri. Riuscì poi a prendere contatto con la sua fedele luogotenente Breanna Ashworth e il Duca Luca Abele, motivandoli a partecipare a un rituale per farla risorgere in forma fisica. Quando tornò nel mondo reale, Delilah nascose il suo spirito all'interno di una statua, assicurandosi così l'immortalità.

Lei e il Duca Abele inscenarono poi un colpo alla Dunwall Tower, nel mezzo di una cerimonia in onore dell'assassinio di Jessamine, Rivela d essere anche lei una Kaldwin, precisamente la sorella maggiore perduta di Jessamine. Dopo questa rivelazione, le guardie attaccarono Emily e suo padre Corvo Attano, dove uno dei due venne trasformato in pietra dall'usurpatrice.

Lo scopo di Delilah non consiste semplicemente nel dominare Dunwall, ma di usare i suoi nuovi poteri per ridisegnare la realtà a suo piacimento, infatti progettò di comporre un dipinto capace di farlo. Viene intrappolata per l'eternità nella sua realtà o uccisa da Emily o Corvo. Se eliminata in modo non letale, il suo dipinto finisce appeso sopra il trono.