FANDOM


Dishonored icon renderDishonored Le Streghe Di Brigmore icon render

Le Streghe di Brigmore sono una congrega situata nella città di Dunwall, avente come residenza l'abbandonata Villa Brigmore. Poco si sa su di loro, si dice che sono potenti professioniste di magia nera che hanno almeno qualche coinvolgimento con l'Esterno.

Esse sono ostili contro i Balenieri, con il loro leader, Delilah Copperspoon, che direzionano i Sacerdoti ad attaccare la loro base e tentare di uccidere Daud, e sono le antagoniste principali nel DLC finale di Dishonored, Le Streghe di Brigmore.

Equipaggiamento e Abilità

Ciascuna strega riceve i propri poteri da Delilah; questa condivisione e confidenza di poteri è simile a quello di Daud e dei suoi assassini. Le streghe possiedono diverse abilità supernaturali, come Traslazione. Esse possono performare un urlo simile al Ciclone e sparare diversi proiettili evocati. Le Streghe Maestre sono capaci di evocare i Rovi del Sangue - tentacoli che attraggono e intrappolare Daud, causando danni significativi.

Curiosità

  • Quando fuori combattimento, le streghe hanno il colore della pelle come quella umana. Comunque una volta che la strega è in combattimento, la sua pelle cambia a un colore verde-pianta. Quando sconfitta, la sua pelle ritorna normale.
  • In Dishonored, esse vengono menzionate in una nota da Anton Sokolov riguardo a produrre statue di streghe per il Golden Cat.
  • In aggiunta nel servire Delilah, le Streghe di Brigmore prendono un particolare interesse in Daud; Delilah dichiara in Il Pugnale di Dunwall che lei lo risparmia per "l'amore delle [sue] sorelle", e due streghe nel solario della Villa Brigmore possono essere sentite che parlano di lui con timore, "come ragazze scolastiche stupide".
  • Accordando con Harvey Smith, le Streghe di Brigmore sono "un mix diverso, tutte chiamate dal potere del Legame Arcano di Delilah", ed esse vengono da culture e livelli socio-economici diversi.
  • La prima persona unitasi a Delilah era chiamata Breanna, ed "esse vagarono le terre, selvagge e libere".

Vedi Altro